IL PIANO DI FORZA ITALIA PER LA RIPARTENZA

IL PIANO DI FORZA ITALIA PER LA RIPARTENZA

PREMESSA

 Forza Italia è disposta, nel solco dell’atteggiamento responsabile che ha contraddistinto la sua azione politica dall’inizio dell’emergenza, a sostenere la seconda proposta di scostamento di bilancio, che sarà votata il prossimo 29 aprile: l’aumento dovrebbe però essere fino ad almeno 75 miliardi di deficit (indebitamento netto), contro i 55 previsti dal Governo. In questa manieral’ammontare complessivo sarà di 100 miliardi (primo e secondo scostamento), come avevamo proposto sin dall’inizio della crisi con molta chiarezza a fronte del minimalismo irresponsabile del Governo.

 Occorre mettere quindi tutto il «fieno in cascina», ovvero caricare al massimo la politica economica italiana nel 2020, in maniera da avere il massimo risultato in termini di crescita e occupazione nel 2021 e 2022.

 In sintesi, sfruttando l’anno sabbatico concesso dalle istituzioni europee, occorre che il Governo aumenti al massimo il deficitquest’anno di almeno altri 2 punti percentuali rispetto al Pil (nel DEF è previsto il 10,4%) per poi abbassarlo di 2 punti l’annoprossimo (rispetto al 5,7% previsto sempre dal Governo nel DEF) in maniera da riportarlo sul sentiero virtuoso della credibilità nei confronti dei mercati e delle regole europee contenute nel Patto di Stabilità e Crescita, Fiscal Compact, Two Pack, Six Pack che non potranno essere sospese all’infinito.

 Forza Italia conviene, inoltre, sulla necessità di sostenere l’interopacchetto finanziario europeo da oltre 2.000 miliardi di euro deciso nell’ultimo Consiglio Europeo dei Capi di stato e di governo, costituito da 4 pilastri fondamentali (BEI, MES, SURE e Recovery Plan), da discutere e approvare in Parlamento, soprattutto in relazione alla quota che potrebbe spettare all’Italia (oltre 200 miliardi di euro), sostenendo la scelta di far prevalere il finanziamento tramite grants (finanziamento a fondo perduto) rispetto ai loans (prestiti).

 Il piano finanziario europeo a 4 pilastri rappresenta lo strumento per fornire supporto all’economia italiana, atteso che la BCE ha deciso di attuare il programma di Quantitative Easing da 750 miliardi di euro per il 2020, possibilmente prorogabile anche nel 2021, più altre misure di politica monetaria come l’allentamento delle regole sui collaterali e sui finanziamenti al sistema bancario, che fornire uno scudo importante contro la crisi.

 La Fase 2 parte all’insegna dell’incertezza senza un indirizzo preciso per imprese e lavoratori. Non vi sarà infatti una ripartenza, ma un lento e farraginoso percorso totalmente confuso e asimmetrico dei settori produttivi del Paese.

 In particolare per i settori del commercio e dell’artigianato siamo di fronte, a causa della confusione e della mancanza di direttive precise, a scenari che proiettano una vera e propriadesertificazione delle attività. Siamo convinti che le riaperture andavano e vanno programmate secondo un principio semplice: lo Stato indica unicamente le disposizioni per le tutela della salute pubblica. Non si possono fare discriminazioni di imprese e differenze tra attività di serie A e attività di serie B. Chiunque è in grado di osservare le prescrizioni sanitarie può e deve ricominciare immediatamente la sua attività.

 Accanto a questo principio che obbedisce alla visione liberale di Forza Italia, i settori del commercio e dell’artigianato vanno presi per mano con misure di sostegno elencate nel prosieguo di questo documento.

 Forza Italia, dopo aver preso atto ancora una volta dell’incapacità del governo, combatterà in Parlamento non solo sugli emendamenti al ‘‘liquidità’’ ma anche concentrando l’attenzione al ‘‘decreto Aprile’’ che come è noto non sarà operativo prima di Maggio.

 Il Documento di economia e finanza (Def) presentato dal governo è assolutamente insufficiente e omissivo, non in grado di affrontare l’emergenza economica e fare uscire l’Italia dalla crisi. È sbagliato in radice perché, nel solco di una concezione statalista e assistenzialista propria della sinistra e del Movimento 5 stelle, piuttosto che essere proiettato a una coraggiosa e impetuosa diminuzione del carico fiscale (con i relativi aumenti degli investimenti e del tasso di crescita del sistema) ne certifica piuttosto un aumento automatico a danno dello sviluppo dell’Italia.

 Manca qualsiasi visione strategica basata su specifiche strategie di riforma. Parliamo di riforme coraggiose che investono il fisco, la burocrazia, le infrastrutture e coinvolgono tutti i settori produttivi del Paese.

TASSE

PATTO FISCALE PER LA RIPRESA

  •   In questa fase qualsiasi intervento deve necessariamente avere il respiro lungo e coraggioso di una riforma strutturale, una mini rivoluzione del sistema per non cadere nella facile accusa di aggirare gli ostacoli attraverso un condono.
  •   Le imprese hanno difficoltà enormi di liquidità al pari dei privati.
  •   Il PATTO FISCALE che proponiamo da una parte mette alle spalle il sistema passato, da un altro mette in cantiere il sistema futuro. Per futuro intendiamo uno dei punti identitari contenuti nel programma di Forza Italia e cioè il passaggio dalle aliquote attuali a un’unica aliquota (la FLAT TAX) per rilanciare il Paese.

PATTO FISCALE PER LA RIPRESA

 Avevamo chiesto fin dall’inizio che il 2020 fosse un ANNO SENZA TASSE e SENZA ACCERTAMENTI FISCALI.

 Così come i lavoratori posti in cassa integrazione hanno diritto all’80% della loro retribuzione, anche gli imprenditori, i professionisti, i commercianti, gli artigiani, i lavoratori autonomi e le partite IVA dovrebbero avere diritto a ricevere una percentuale di quanto avevano dichiarato lo scorso anno negli stessi mesi in cui hanno dovuto sospendere la loro attività.

 Per questo chiediamo con forza che l’Europa preveda nel FONDO PER LA RICOSTRUZIONE, che dovrebbe oscillare dai 500 ai 1.000 miliardi, almeno un 50% di risorse a fondo perduto.

10

TASSE

PATTO FISCALE PER LA RIPRESA

 Il PATTO FISCALE che proponiamo prevede:

 lo sconto fino al 40% delle cartelle esattoriali;

versamento di una quota forfettaria per il recupero dei 200 miliardi non versati dal 2000.

 Valutare con attenzione il suggerimento dell’Ad di Intesa,Carlo Messina, che prevede rendimenti competitivi, sgravi fiscali e scudo penale per chi trasferisce capitali dall’esterotrasformandosi «da esportatore di capitali in propulsore della ripresa e dell’accelerazione della crescita italiana». Secondo la proposta Messina, i miliardi parcheggiati all’estero dai risparmiatori italiani dovrebbero rientrare ed essere destinati all’acquisto di bond sociali e al rifinanziamento delle imprese.

PATTO FISCALE PER LA RIPRESA
 MORATORIA di tutti gli adempimenti fiscali almeno per tutto

il 2020.

 Introduzione dei CIR (Conti Individuali di Risparmio) per riequilibrare il debito pubblico aumentando la quota detenuta dai risparmiatori italiani, creando contemporaneamente un terzo pilastro di welfare(completamente privato) a complemento della previdenza pubblica e della previdenza professionale (si veda in proposito l’approfondimento, Allegato 1).

PATTO FISCALE PER LA RIPRESA

  •   Diciamo NO alla patrimoniale: impediremo al governo di mettere le mani nei conti correnti degli italiani (in Italia ci sono 4.500 miliardi di risparmi di cui 1.500 liquidi sui conti correnti). Forza Italia propone invece un incentivo fiscale per indirizzare i risparmi verso l’economia reale. Il modello a cui pensiamo è quello dei PIR.
  •   I PIR “ANTI COVID”, ossia i Piani di Investimento per la Ripresa che, attraverso un fondo chiuso, possono raccogliere i risparmi degli investitori istituzionali, di quelli professionali e anche delle famiglie italiane indirizzandoli verso le piccole e medie imprese ed anche verso titoli di Stato italiani di lunga durata.
  •   Nel PIR “anti-covid” gli italiani potranno far confluire una percentuale del proprio reddito o del proprio risparmio, che resterà investito nel fondo per 10 o 20 anni, in cambio potranno ricevere una cedola ben remunerata, la deducibilità fiscale delle somme investite e l’esenzione da ogni tipo di tassazione, anche dalle imposte di successione.
  •   Le imprese grandi, e soprattutto quelle medie e piccole, stanno affrontando una chiusura forzata che ne comprime la reddittività e i flussi di cassa.
  •   Si raccolgono TUTTE le pendenze pregresse e si propone di sanarle con varie opzioni alternative («pace fiscale Stato-Imprese»): subito in una unica soluzione con uno sconto del 40%; in 5 anni a un tasso del 3% con uno sconto del 20%; in 20 anni a un tasso del 2% senza sconto. RISULTATO:
     ingenti flussi di cassa per lo Stato in questo momento di emergenza

    (viceversa sono denari che molto probabilmente non saranno riscossi)

    uscita da una situazione di debito per molte imprese che potrebbero così guardare al futuro con maggiori opportunità di ripresa e sviluppo.

LA NOSTRA PROPOSTA DI LEGGE

PER UN PATTO FISCALE FRA STATO E IMPRESE E FRA STATO E CITTADINI

14

LIQUIDITÀ

MENO BUROCRAZIA, PIÙ SOLDI NEI CONTI CORRENTI

  •   Estensione al 100% della GARANZIA STATALE per i prestiti alleimprese con eliminazione dell’intermediazione della Sace.
  •   Pagamento dei 60 miliardi dei DEBITI DELLA PUBBLICAAMMINISTRAZIONE nei confronti delle imprese.
  •   400 miliardi di liquidità alle imprese con tempi serrati: una settimana per i piccoli, 2 settimane per le medie e 3/4 settimane al massimo per le grandi imprese.
  •   Semplificazione e DECERTIFICAZIONE delle procedure e dei controlli da effettuare ex post sulla liquidità erogata per tutti.
  •   Erogare i RISARCIMENTI per tutte le imprese e le attività costrette a fermarsi in ragione del periodo di chiusura e dei relativi mancati guadagni. Almeno il 25-30% del fatturato per i mesi di chiusura deve essere risarcito.
  •   Utilizzo dei Fondi europei non spesi nel bilancio 2014-2020.

LAVORO

BASTA RIGIDITÀ, PIÙ FLESSIBILITÀ

  •   SUPERAMENTO DEL DECRETO DIGNITÀ che ingessa il mercato del lavoro: lo stesso governo riconosce che, in uno scenario addirittura prudenziale, la disoccupazione toccherà l’11,6%.
  •   È fondamentale prevedere la massima flessibilità possibile nel mercato del lavoro, ovviamente nel rispetto dei diritti dei lavoratori, con l’introduzione dello strumento dei VOUCHER per i settori come il turismo, l’agricoltura, lo sport, i servizi alla persona per permettere ed assicurare così il lavoro stagionale fondamentale per tenere in piedi intere filiere produttive.
  •   Decontribuzione per 10 anni per le aziende che assumono lavoratori fino ai 35 anni.
  •   Sollecitazioni all’impiego, particolarmente in agricoltura, di chi percepisce il reddito di cittadinanza.
  •   LA CASSA INTEGRAZIONE deve essere garantita per tutti e per tutto il periodo di chiusura.

CASA E INFRASTRUTTURE

MENO DEGRADO, PIÙ INVESTIMENTI

 GRANDE PIANO INFRASTRUTTURALE PUBBLICO, con lo sblocco degli oltre 100 miliardi già stanziati e non spesi per la modernizzazione del paese e grande piano infrastrutturale al fine di sostenere l’edilizia.

 NUOVA LEGGE PER LE CITTÀ, più infrastrutture e manutenzione per centri urbani e periferie.

 GRANDE PIANO CASA (almeno 100 miliardi).

 PIANO NAZIONALE STRAORDINARIO DI EDILIZIA PUBBLICA: per supplire al crollo degli investimenti privati in edilizia e all’inevitabile esplosione della disoccupazione e della povertà è necessario un Piano Nazionale Straordinario di edilizia pubblica che supplisca alla storica carenza di case popolari in modo da garantire la tenuta sociale nelle città italiane e sostituirsi, temporaneamente, alla carenza di domanda nel comparto.

17

CASA E INFRASTRUTTURE

MENO DEGRADO, PIÙ INVESTIMENTI

  •   PATTO FISCALE nel settore edilizio: molti proprietari hanno in corso contenziosi con lo Stato su interventi edilizi minori o altre tematiche riguardanti le prime case.
  •   Modifica radicale del Codice degli Appalti.
  •   Abolizione del sistema delle autorizzazioni preventive eintroduzione di controlli ex post.
  •   MORATORIA FISCALE per mutui e affitti con creazione di un apposito fondo per il ristoro dei proprietari di immobili.
  •   DETASSAZIONE ulteriore degli investimenti per miglioramenti nelle abitazioni con ampliamento dei bonus esistenti ristrutturazioni, eco bonus e sisma bonus.

TURISMO

MENO TASSE, PIÙ INCENTIVI
 PIANO MARSHALL SULLA FILIERA DEL TURISMO con il

riconoscimento dello stato di crisi:

 Oltre ai VOUCHER prevedere un cospicuo stanziamento di risorse immediate facendo ricorso al contributo a fondo perduto: immediata iniezione di liquidità da assegnare alle imprese del turismo (compresi alberghi e ristorazione).

Azzeramento del cuneo fiscale e la previsione di unadeducibilità totale per gli italiani che vorranno trascorrere le proprie vacanze 2020 in Italia.

Credito di imposta alle imprese turistiche corrispondente al canone di locazione delle strutture impiegate.

Assistenza a tutta la filiera legata al settore (ad esempio copertura per animatori turistici, ambulanti, etc…).

TURISMO

MENO TASSE, PIÙ INCENTIVI

 Accantonare la direttiva Bolkenstein garantendo la proroga delle concessioni balneari fino al 2033 così da consentire gli investimenti necessari.

In Europa un RECOVERY PLAN STRAORDINARIO per tutelare e sostenere le imprese con finanziamenti a fondo perduto.

Campagna di comunicazione in Italia e all’estero per valorizzare il nostro MADE IN ITALY.

MODA & DESIGN

DIFENDIAMO LE ECCELLENZE ITALIANE
 Credito d’imposta del 30% per il periodo di chiusura, incentivi

per la trasformazione digitale e per l’e-commerce.

  •   Sospensione del pagamento delle tasse, moratoria sui prestiti e riduzioni sul pagamento delle utenze fino a fine anno.
  •   Rimborso alle imprese per mancata partecipazione a FIERE e manifestazioni commerciali internazionali; prevedere il credito d’imposta utilizzabile per il ristoro delle spese sostenute per la partecipazione a fiere e manifestazioni che sono state revocate in forza dell’emergenza coronavirus; proroga delle prossime scadenze fiscali ed alla deroga ai limiti di compensazione.

MODA & DESIGN

DIFENDIAMO LE ECCELLENZE ITALIANE

Estensione dell’applicazione del PATENT BOX ai marchi funzionalmente equivalenti che fanno parte del Made in Italy, ai brevetti e alle opere di ingegno delle tutele sui marchi, brevetti e design.

 RESHORING delle produzioni manifatturiere che, in precedenza, per ragioni di carattere prevalentemente economico, erano state delocalizzate in Paesi esteri più o meno distanti e che manifestino un interesse reale e concreto a far rientrare tutta la produzione in Italia, garantendone il mantenimento per almeno un quinquennio.

PROFESSIONISTI

MENO BUROCRAZIA, PIÙ LIQUIDITÀ

  • ❑  Sospensione di tutti i termini tributari e fiscali per il 2020.
  • ❑  Spostare in avanti il termine per la ripresa della riscossione, prevedendo che i versamenti sospesi debbano essere effettuati, senza applicazione di sanzioni e interessi, in forma rateale non inferiore a un anno a decorrere dal mese di gennaio 2021.
  • ❑  Sblocco delle compensazioni dei crediti relativi alle imposte sui redditi e all’imposta regionale sulle attività produttive maturati nel 2019, eliminando il vincolo, introdotto soltanto da quest’anno, della previa presentazione della dichiarazione da cui il credito emerge.
  • ❑  Liquidità immediata e crediti garantiti dalla Stato subito, i controlli delle autocertificazioni potranno essere effettuati successivamente.
  • ❑  Includere gli studi professionali associati in tutte le norme che riguardano i professionisti.

23

PROFESSIONISTI

MENO BUROCRAZIA, PIÙ LIQUIDITÀ

❑ Credito di imposta di cui all’art. 65 DL Cura Italia a tutti i negozi e studi professionali, nonché ad alberghi e strutture turistiche e proroga della misura per tutto il 2021, ripristino della cedolare secca per gli affitti commerciali.

❑ Includere gli studi professionali associati in tutte le norme che riguardano i professionisti.

❑ Estensione bonus baby sitting a 1000 euro a tutti i professionisti sanitari impegnati durante l’emergenza e a stretto contatto con il pubblico.

24

PROFESSIONISTI SANITARI

PIÙ PREMIALITÀ, MENO PENALIZZAZIONI

  • ❑  Tamponi orofaringei e test sierologici subito per tutti coloro che devono tornare al lavoro, con priorità per professionisti sanitari, operatori socio-sanitari, e forze dell’ordine;
  • ❑  Estensione bonus baby sitting a 1000 euro a tutti i professionisti sanitari impegnati durante l’emergenza e a stretto contatto con il pubblico;
  • ❑  Regole chiare sulle mascherine, prezzo calmierato in tutte le fasi della filiera e esenzione dall’IVA o applicazione dell’IVA al 4%;
  • ❑  Esenzione di responsabilità per gli atti compiuti nell’esercizio delle loro funzioni dai professionisti sanitari coinvolti nell’emergenza epidemiologica.
  • ❑  Individuare soluzioni normative di protezione per i medici e gli operatori sanitari impegnati nella cura del Covid-19, che impediscano forme di ingiusta aggressione giudiziaria in sede penale, civile, e contabile.

SETTORE AGROALIMENTARE

MENO INDIFFERENZA, PIÙ FONDI

 FONDI DI RISTORO per le imprese agricole che ai problemi che avevano a causa dei batteri patogeni che infestano le produzioni si sono aggiunte le difficoltà causate dal lock down dettato dall’emergenza Covid (sia per i raccolti che per la fauna selvatica).

 Fondo di ristoro per l’arresto temporaneo dell’attività di PESCA nelle acque interne.

 Sospensione dei contributi dei marinai imbarcati e delle imposte per tutto il 2020.

SETTORE AGROALIMENTARE

MENO INDIFFERENZA, PIÙ FONDI

 Incentivi a tutta la categoria dai 10.000,00 ai 300.000,00 euro per rimodernare la flotta (che, per altro, è una delle flotte più vecchie del Mediterraneo) al tasso dell’1% restituibili in 12 anni a seguito di progetti e fatture che comprovino la reale spesa. A beneficiare di tale intervento, oltre ai pescatori, sarebbe tutta la filiera economica che vi ruota intorno provocando un buon effetto leva.

 Fondo di ristoro da almeno 2 miliardi per il 2020 su tutti quei settori colpiti dalla chiusura del canale Ho.re.ca (Hotel, Bar, Ristoranti, mense, catering, eventi) e dalle difficoltà nella esportazione dei prodotti (florivivaismo, produttori di vino, operatori della filiera lattiero-casearia con particolare riferimento alla mozzarella di bufala e ai formaggi, prosciutti e salumi soprattutto DOP, agriturismo, pasticceria).

SETTORE AGROALIMENTARE

MENO INDIFFERENZA, PIÙ FONDI

 Per consentire di raccogliere i frutti della terra (frutta, ortaggi, verdura) occorre lavorare, come stanno facendo altri grandi paesi europei, alla COSTRUZIONE DEI CORRIDOI VERDI per far transitare lavoratori dell’est in Italia.

 Reintroduzione dello strumento dei VOUCHER con possibilità di farli utilizzare anche ai percettori del reddito di cittadinanza, disoccupati o cassa integrati (senza l’annullamento della stessa).

 Proroga (non sanatoria) della validità dei permessi di soggiorno.

 Costruire le condizioni strutturali per aumentare la produzione nazionale delle materie agricole primarie (grano, mais, orzo, soia) al fine di diminuire la dipendenza dall’estero attraverso investimenti mirati agli accordi di filiera.

28

SETTORE AGROALIMENTARE

MENO INDIFFERENZA, PIÙ FONDI

 Revisione della legge 157/92 per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio.

 Revisione delle inique aliquote di tassazione per il tabacco (diversificato fra tabacco lavorato e per prodotti riscaldabili), già evidenziato in fase di discussione della Legge di Bilancio, per avere ulteriore gettito nelle casse dello Stato.

 Garanzie e accesso al credito attraverso Ismea e non Sace.

 Abolizione del limite assolutamente irrisorio per i tempidell’agricoltura di 6 anni per la restituzione.

SUD

UN PIANO REALISTICO PER RIPARTIRE

 Al fine di promuovere la rinascita industriale e occupazionale delle regioni del Mezzogiorno, realizzando gli obiettivi dell’aumento e del miglioramento della qualità degli investimenti in capitale fisico e umano e dell’adattabilità ai cambiamenti economici e sociali, prevedere l’esenzione integrale dell’imposta sul reddito delle società (Ires), e dell’imposta regionale sulle attività produttive (IRAP) per le imprese in attività ivi ubicate e per le nuove imprese che avviano in tali regioni un’attività economica.

 Mantenere il vincolo di destinazione territoriale delle risorse del FSC e degli altri Fondi strutturali.

UN PIANO REALISTICO PER RIPARTIRE

 Salvaguardare il rispetto della cosiddetta “clausola del 34%”, rendendola finalmente effettiva ed efficace (imponendo un meccanismo automatico di trasferimento delle risorse), ed estendendo il vincolo non solo agli investimenti delle amministrazioni centrali, come avviene attualmente, ma a tutte le amministrazioni pubbliche e agli enti di diritto privato in controllo pubblico, e a Cassa depositi e prestiti.

 Più in generale, prevedere interventi organici e razionali, attraverso un grande piano di investimenti, mirati a rispondere alle drammatiche carenze infrastrutturali sociali del Mezzogiorno, in particolare in termini di sicurezza, di adeguati standard di istruzione, di idoneità di servizi sanitari e di cura (attraverso la realizzazione di un piano straordinario ospedaliero), e volti ad implementare le reti infrastrutturali fondamentali per la fase della ripresa.

31

GIUSTIZIA

DALLA PARTE DEI CITTADINI E DELLE GARANZIE GIUSTIZIA PENALE

 No al processo penale da remoto: le udienze si svolgono in contraddittorio, ad armi pari e in aula, alla presenza fisica del giudice, di tutte le parti, dei testimoni e dei periti.

 Sì alla digitalizzazione degli adempimenti anche nella giustizia penale: i difensori possono procedere al deposito degli atti via Pec.

 Fino al 30 giugno, per contemperare esigenze sanitarie e diritto di difesa:

 i procedimenti da trattarsi in camera di consiglio ex art. 127 c.p.p. possono essere decisi senza l’intervento del PM e dei difensori delle altre parti interessate, salva richiesta di essere sentiti;

32

GIUSTIZIA

DALLA PARTE DEI CITTADINI E DELLE GARANZIE GIUSTIZIA PENALE

In udienza preliminare, su richiesta del difensore dell’imputato, la decisione può essere assunta in camera di consiglio, senza la partecipazione delle parti, in base agli atti contenuti nel fascicolo, nonché delle eventuali memorie difensive che le parti potranno depositare prima dell’udienza.

Quanto al dibattimento di primo grado, vengono trattati solo i procedimenti che non necessitano di attività istruttoria, fatta eccezione per le udienze dibattimentali dei procedimenti di cui al comma 3, lettere b) e c) dell’art. 83 del d.l. n. 18 del 2020.

 Quanto all’appello, le parti possano formulare richiesta di trattazione in camera di consiglio, senza la partecipazione delle parti; il giudice dell’impugnazione accoglie la richiesta, salvo nei casi in cui debba disporre la rinnovazione dell’istruttoria dibattimentale o ritenga comunque necessaria la discussione orale.

GIUSTIZIA

DALLA PARTE DEI CITTADINI E DELLE GARANZIE GIUSTIZIA CIVILE

  •   Semplificazione drastica dei riti, ridotti a due: PROCEDIMENTO ORDINARIO E PROCEDIMENTO SOMMARIO; alla prima udienza di comparizione, da celebrare in tempi ravvicinati rispetto alla proposizione dell’atto introduttivo, il giudice decide quale rito applicare a seconda della complessità degli accertamenti, della “liquidità” della decisione e della volontà delle parti.
  •   Introduzione di un nuovo procedimento speciale e accelerato in materia d’impresa e crediti professionali, per definire in tempi rapidi e certi i giudizi, secondo il modello già previsto del rito societario ex d.lgs. 5/2003.

DALLA PARTE DEI CITTADINI E DELLE GARANZIE PROFESSIONI

 Pagamento immediato, o almeno scomputo integrale dalle imposte, dei crediti certi, liquidi ed esigibili maturati dai professionisti verso la P.A.;

 compensazione immediata dei crediti professionali connessi ad attività di patrocinio a spese dello Stato;

 estensione del forfettario con aliquota del 20% per professionisti e partite IVA fra 65.000 e 150.000 euro;

 promozione di iniziative straordinarie degli Enti privati di previdenza obbligatoria a beneficio dei propri iscritti.

35

IMMIGRAZIONE

NO A SANATORIE, SÌ AI VOUCHER

 In tema IMMIGRAZIONE Forza Italia si è detta contraria a sanatorie al buio a favore di immigrati irregolari presenti sul territorio italiano, ma non ha ingaggiato una battaglia pregiudiziale contro il prolungamento dei permessi di soggiorno limitato all’impiego di immigrati nell’ambito agricolo e sanitario, purché a ciò si affianchi la disciplina dei voucher in agricoltura e un potenziamento della forza lavoro italiana anche in ambito ospedaliero (vedi scheda su Turismo e Settore Agroalimentare).

 Forza Italia insiste affinché l’Italia mantenga i suoi porti chiusi in circostanza di emergenza Covid per non creare un impatto devastante sulle regioni del Sud nel caso in cui le Ong facessero sbarcare dai Paesi sub-sahariani persone potenzialmente contagiose in mancanza di strutture adeguate dove trattenerli in quarantena. Si insista piuttosto affinché i migranti vengano redistribuiti equamente tra tutti i Paesi Ue e in particolare nei Paesi di bandiera delle navi Ong che li trasportano.

IMMIGRAZIONE

CHIEDIAMO COORDINAMENTO TRA I PAESI EUROPEI

 I Paesi europei non si sono coordinati nella chiusura/apertura delle frontiere.

  •   Alcuni paesi hanno le frontiere completamente chiuse, altri completamente aperte e altri ancora mezze aperte e mezze chiuse.
  •   È inaccettabile non ci sia un coordinamento e una univocità di comportamento tra i Paesi membri.
  •   Abbiamo chiesto al Governo di relazionare al Parlamento in ordine a queste asimmetrie ma ancora il ministro dell’Interno non ha ritenuto di pronunciarsi.

UTENTI E CONSUMATORI

MENO COSTI, PIÙ SERVIZI
 Riattivazione dell’osservatorio sui prezzi di beni e servizi

presso il Mise al fine di combattere azioni speculative.
 Previsione esplicita della deducibilità già prevista per i

medicinali anche per le mascherine chirurgiche.

 Possibilità di sospendere le utenze di luce, gas e acqua per strutture temporaneamente inutilizzate (locali commerciali, seconde case o capannoni) al fine di non sostenere costi fissi per i periodi in cui le forniture non siano erogate.

 Possibilità di sospendere e differire servizi in abbonamento o a contratto almeno annuale, come ad es. abbonamenti per trasporto pubblico, palestre, piscine, asili e altro.

MENO COSTI, PIÙ SERVIZI

 Gratuità temporanea parcheggi strisce blu, percorribilità preferenziali e accesso ZTL.

 Azzeramento costi ancillari (spese varie per servizi) sul traffico telefonico e il traffico dati.

 Valutare la possibilità di permettere l’accesso alle seconde case anche fuori dalla regione di residenza.

FAMIGLIA

SE LA FAMIGLIA TIENE, L’ITALIA RIPARTE

  •   Per tutto il 2020 assegno di 200 euro per ogni figlio (affidataricompresi) che compie i 14 anni nel corso dell’anno.

     In caso di figlio con disabilità, l’assegno viene raddoppiato.

     L’assegno spetta a tutti coloro che hanno reddito fino a 80.000 euro.

  •   Congedo parentale esteso fino a fine giugno, con indennità al 75- 80%.
  •   Potenziamento voucher baby sitter.
  •   Apertura da giugno di scuole, oratori e centri estivi, in condizione disicurezza e affidati alla supervisione dei comuni.
  •   Riapertura parchi e aree gioco in condizioni di sicurezza.
  •   Detrazione fiscale rette per le famiglie i cui figli frequentano le scuole paritarie.

TERZO SETTORE

DALLA PARTE DEI PIÙ DEBOLI

  •   Emanazione immediata Dpcm per sbloccare le ultime dueannualità della quota del 5×1000.
  •   In ogni provvedimento – dall’accesso al credito ai contributi, dalle semplificazioni al trattamento del personale e via dicendo – considerare gli enti del Terzo Settore allo stesso modo di ogni altra categoria produttiva del Paese.
  •   Sblocco fondi rotativi di sistema (per esempio quello da 200 milioni per le imprese sociali “congelato” a Invitalia o i 10 milioni del fondo che il ministero del lavoro ha affidato a Fondazione Italia Sociale) e dei Fondi Strutturali di coesione europea. Potenziamento del fondo per la non autosufficienza.

DALLA PARTE DEI PIÙ DEBOLI

 Dare continuità alle attività di volontariato, mutuando alcune prerogative del servizio civile universale: assegno temporaneo (da 8 a 12 mesi) di 440 euro, con esenzione Irpef e previdenziale, copertura assicurativa e adeguata formazione per progetti di rilevanza sociale gestiti da enti del Terzo settore.

 In merito alla facilitazione dello svolgimento delle assemblee attraverso l’uso di mezzi di telecomunicazioni, al fine di ridurre il contatto fisico, sono stati estromessi gli enti non lucrativi, ossia ONLUS, Organizzazioni di Volontariato e Associazioni di promozione sociale). Chiediamo di correggere la norma proprio quegli enti che, in forza dell’attività di utilità sociale che svolgono, sono i primi che invece necessitano di tali facilitazioni.

PARI OPPORTUNITÀ E DISABILITÀ

DALLA PARTE DEI PIÙ DEBOLI

 VIOLENZA SULLE DONNE: a seguito delle numerose vittime di femminicidio e di violenza registrate durante le settimane del lock- down, si è fatta notare al Governo la mancanza di un’adeguata campagna di promozione del numero nazionale antiviolenza 1522 oltre ai supporti economici e operativi a sostegno dei centri anti- violenza che si sono trovati a respingere alcune donne per via dell’impossibilità delle stesse ad effettuare il tampone.

Si è avviata interlocuzione verbale, oltre che depositataun’interrogazione al Governo chiedendo un corridoio prioritario per questi casi.

 Si è chiesto l’impegno del Governo (ODG Cura Italia) ad adottare urgenti misure volte a garantire l’efficiente ed omogeneo funzionamento sul territorio nazionale dei centri antiviolenza, tramite l’implementazione dei locali e l’immediata disponibilità di tamponi per tutte le donne che vi si rivolgano.

PARI OPPORTUNITÀ E DISABILITÀ

DALLA PARTE DEI PIÙ DEBOLI

  •   DISABILITÀ: semplificazioni e chiarimenti sui moduli autocertificazione per consentire l’uscita quotidiana ai ragazzi con disabilità gravi che necessitino del contatto con l’aria e la natura ai fini terapeutici.
  •   Comunicazione più inclusiva negli Spot TV privi di sottotitoli o interprete lingua dei segni.
  •   Estensione dei permessi retribuiti L104 ( le legge riconosce massimo 3 giorni al mese).
  •   Estensione congedi retribuiti anche ai lavoratori con disabilità (ad oggi sono riconosciuti solo ai familiari che prestano assistenza).
  •   Riconoscimento del diritto d’accesso al bonus 600 euro anche ai lavoratori autonomi e Partite IVA con disabilità grave.

LA NOSTRA PROPOSTA: UN PIANO SCUOLA da 3 miliardi

SCUOLA

MENO DIVARIO, PIÙ MERITO

 SCUOLA SICURA: 1 miliardo per interventi straordinari di edilizia scolastica per adeguare gli ambienti di apprendimento alle disposizioni di sicurezza e per interventi di sanificazione e fornitura quotidiana di dispositivi di protezione individuale.

  •   SCUOLA DIGITALE: 1 miliardo per la dotazione di device.
  •   SCUOLA COMPETENTE: 1 miliardo per il superamento del digital divide attraverso la formazione dei docenti alla didattica digitale e per introdurre la didattica per competenze e l’abrogazione del valore legale del titolo.

LA NOSTRA PROPOSTA: UN PIANO SCUOLA da 3 miliardi

SCUOLA

MENO DIVARIO, PIÙ MERITO

A questo vanno aggiunti:

  •   Altri 800 milioni per interventi ordinari nell’edilizia scolastica.
  •   Preciso piano per la didattica personalizzata per il recupero e consolidamento delle attività didattiche.
  •   Un fondo da 500 milioni per le esigenze emergenziali delle scuole paritarie, la detraibilità delle rette e l’introduzione del costo standard di sostenibilità.
  •   Riapertura dei locali scolastici per attività ludiche e di recupero.

STARTUP E PMI INNOVATIVE

ACCENDERE IL MOTORE DELL’INNOVAZIONE

  •   Comprendere esplicitamente startup e PMI innovative in ogni provvedimento a favore delle imprese.
  •   Rendere finalmente davvero operativo il Fondo Nazionale Innovazione.
  •   Portare, solo per il 2020, dal 30 al 50% gli sgravi fiscali per chi investe instartup e PMI innovative.
  •   Estendere di un anno la permanenza delle startup esistenti nel registrospeciale che offre un regime agevolato.
  •   Ampliare a cinque anni l’arco temporale del credito d’imposta per ricercae sviluppo e innovazione tecnologica previsto dalla legge di bilancio 2020.
  •   Reintrodurre il credito d’imposta per attività di ricerca e sviluppo per conto terzi, già previsto nella precedente edizione del credito d’imposta.
  •   Introdurre un’aliquota maggiorata per il credito d’imposta in favore delle start-up e PMI innovative, raddoppiando le attuali percentuali delle pari al 12% e al 6% delle spese sostenute, in ricerca e sviluppo e in innovazione tecnologica.
  •   Introdurre uno strumento di compliance fiscale ai fini dell’accertamento preventivo dei presupposti per la fruizione del credito d’imposta in ricerca e sviluppo.
  •   Allungare di almeno un anno il calcolo dalla costituzione della startup per accedere tutte le agevolazioni pubbliche (es: Smart & Start di Invitalia, bandi regionali, ecc.).
  •   Destinare esclusivamente alle startup e alle PMI innovative una parte del fondo di garanzia per le PMI.
  •   Rimborsare subito al 100% i crediti d’imposta per ricerca e sviluppo e i crediti IVA, mediante autocertificazione redatta e certificata da un revisore dei conti.
  •   Introdurre un voucher a fondo perduto da 25.000 euro per percorsi di insediamento e accelerazione, da spendere presso parchi scientifici, incubatori e acceleratori.

CULTURA

PROGETTO PER LA CULTURA, LA MUSICA, L’ARTE E LO SPETTACOLO

 Forza Italia ha realizzato un PROGETTO PER LA CULTURA, LA MUSICA, L’ARTE E LO SPETTACOLO. Si tratta di 10 punti fondamentali per aiutare uno dei settori più colpiti dalla crisi economica dovuta all’emergenza Coronavirus.

  1. Immediata attuazione della direttiva europea sul diritto d’autore;
  2. l’aumento delle dotazioni previste dall’art. 89 del decreto CuraItalia;
  3. la riduzione dell’IVA al 4% per tutto il comparto evitando trattamenti fiscali diversi;
  4. una revisione delle norme del decreto liquidità per i prestiti; l’erogazione di contributi a fondo perduto;
  5. la revisione delle norme sui pignoramenti limitandoli a una percentuale dei redditi;
  1. l’intervento sull’uso dei circa 70 milioni derivanti dalla attività dell’ex IMAIE da destinare al mondo dello spettacolo;
  2. inserire le imprese musicali negli interventi in corso e costituire un ulteriore fondo di emergenza di almeno 200 milioni per tutto il settore;
  3. prevedere un blocco delle tasse e dei contributi e utilizzare maggiormente i voucher;
  4. utilizzare più ampiamente il meccanismo del Tax credit ed estenderlo ad altri settori artistici e culturali.
  5. Istituire un tavolo presso il Mibact per definire le modalità con cui gli eventi dal vivo e le riprese cinematografiche possano essere organizzati nei prossimi mesi.

AMBIENTE

GREEN DEAL ECONOMICO E INDUSTRIALE

 L’ambiente si tutela e si salva attraverso progresso, innovazione, sviluppo e lavoro non con messaggi inefficaci e azioni di decrescita e regresso.

 Le azioni per la ripartenza dopo l’emergenza saranno l’occasione per realizzare un vero “GREEN DEAL ECONOMICO E INDUSTRIALE” basato sulle seguenti azioni:

 PIANO STRAORDINARIO DI ROTTAMAZIONE delle tecnologie obsolete verso soluzioni tecnologiche sostenibili ambientalmente ed economicamente creando nel contempo sviluppo, occupazione nella produzione e commercializzazione del nuovo (dall’automotive, agli elettrodomestici, dai serramenti alle caldaie e agli impianti fognari e ai depuratori obsoleti).

 SEMPLIFICAZIONE E SNELLIMENTO DELL’”ECO BUROCRAZIA” il mostro legislativo che imbriglia il concreto sviluppo industriale dell’Economia circolare in Italia.

GREEN DEAL ECONOMICO E INDUSTRIALE

  •   FISCALITÀ AMBIENTALE strutturale dedicata e leggera.
  •   Sistema strutturale di incentivi per le aziende che riconvertono.
  •   Semplificazione degli adempimenti ambientali e liberalizzazione della realizzazione degli impianti di raccolta, smaltimento e riciclo dei rifiuti con rigorose regole e controlli ex post.
  •   Riduzione significativa delle TASSE sull’energia elettrica per consentire la sostituzione di modelli di riscaldamento e di circolazione inquinanti ed obsoleti.
  •   Alimentazione delle filiere del riciclo per aumentare la disponibilità in Italia di preziose materie prime alle quali dovrà essere applicata l’Iva agevolata al 4%.

SPORT

MERITO, PASSIONE, VOLONTARIATO

  •   Fondo da 200 milioni per l’anno 2020 per le Associazioni e lesocietà sportive dilettantistiche.
  •   Aumentare le risorse destinate al sostegno dei collaboratorisportivi.
  •   Reintroduzione dello strumento dei Voucher per i lavoratori delsettore.
  •   Sospensione del pagamento delle utenze, mutui, affitti.
  •   Sospensione del pagamento dei canoni di locazione e concessori relativi all’affidamento di impianti sportivi pubblici dello Stato e degli enti territoriali.
  •   Proroga di sei mesi della scadenza delle concessioni relative agli impianti sportivi pubblici dello Stato e degli enti territoriali.

SPORT

MERITO, PASSIONE, VOLONTARIATO

 Dotare fino a 400 milioni l’istituto del Credito Sportivo per finanziamenti le società e associazioni sportive da restituire in 10 anni senza interessi.

  •   Introduzione dei voucher per gli utenti che non hanno potuto frequentare gli impianti sportivi a causa della chiusura da utilizzare entro 12 mesi dalla riapertura.
  •   Introduzione del sostituto d’imposta del 60% per le locazioni di impianti sportivi privati.
No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.